In Vaticano 6 monache benedettine pregano per il Papa e per la Chiesa



Six Benedictine nuns arrived at the Vatican





Come anticipato da Silere non possum, ieri mercoledì 3 gennaio 2024 sono giunte nella piccola Città Stato sei monache benedettine dall’Argentina. Le religiose hanno iniziato la loro vita comune all’interno del Monastero Mater Ecclesiae voluto da San Giovanni Paolo II.



Sono state accolte da S.E.R. il Sig. Cardinale Fernando Vérgez Alzaga, presidente del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano e della Pontificia commissione per lo SCV. Il presule si è recato presso l’aeroporto di Roma Fiumicino (Italia) per portarle in Vaticano. Prima di raggiungere il Monastero le monache hanno pregato con il cardinale di fronte alla grotta di Lourdes all’interno dei Giardini Vaticani, luogo particolarmente caro a Benedetto XVI.

Le monache provengono dall’Abbazia di Santa Scolastica di Victoria (diocesi di San Isidro in Argentina). Il Sommo Pontefice, il 1° ottobre 2023, aveva inviato loro una lettera nella quale le invitava ad iniziare una esperienza di vita comunitaria e contemplativa all’interno del Monastero resosi libero a seguito della dipartita di Sua Santità Benedetto XVI. Pochi giorni dopo le religiose hanno generosamente accettato l’invito [qui].

Si tratta di una presenza particolarmente importante all’interno di questa piccola realtà che è del tutto peculiare. Preghiera costante e vicinanza anche al Santo Padre, segno tangibile dell’importanza della vita contemplativa. Con questa scelta si vuole ribadire l’importanza e il primato della vita contemplativa all’interno della Chiesa. Le monache benedettine saranno, quindi, un efficace richiamo per tutti noi ad occuparci sì del governo della Chiesa Universale ma anche ad inginocchiarci e pregare Colui che a questo ci ha chiamati.

d.M.S.

Silere non possum


Articolo pubblicato il 4 gennaio 2024



Condividi questo articolo

Categorie

Ecumenismo
Citta del Vaticano
Chiesa cattolica

ARCHIVI

ULTIMI ARTICOLI

NEWSLETTER