Papa Francesco in televisione: «A me piace pensare l’inferno vuoto. Spero sia realtà»



Pope Francis was interviewed for Italian television





Domenica 14 gennaio 2024 il Sommo Pontefice è stato ospite della trasmissione italiana Che Tempo Che Fa. Non è la prima volta che Bergoglio viene intervistato dalla trasmissione, avvenne già il 6 febbraio 2022. Il Papa ha detto: «Dietro le guerre c’è il commercio delle armi. Mi diceva un economo che in questo momento gli investimenti che danno più soldi sono le fabbriche delle armi. Investire per uccidere».

In merito all’atto di dolore, stuzzicato da Fabio Fazio che gioca a fare le omelie in televisione con quel tono da litania, il Papa ha detto che “perchè peccando ho meritato i tuoi castighi” è una espressione troppo dura. Del resto questi sono i “cristiani” coltivati nelle associazioni abusanti come Nuovi Orizzonti dove il denaro e l’abuso psicologico sono all’ordine del giorno. Fazio è uno dei tanti soggetti che in Chiesa non mettono piede perchè ciò che la dottrina cattolica insegna è completamente contrario a tutti i suoi ideali, però Papa Francesco gli piace e ama frequentare le Cittadelle cielo create con i soldi racimolati da Chiara Amirante e Davide Banzato in modalità ben poco trasparenti.

In merito a Fiducia Supplicans il Papa ha detto: «coloro che non accettano le decisioni è perchè non conoscono. Quando a te non piace questa decisione vai a parlare. Il pericolo è che non mi piace, me lo metto nel cuore e così faccio resistenza». Il Pontefice, però, dimentica di raccontare in televisione la fine che hanno fatto coloro che gli hanno fatto notare il proprio dissenso.

Le domande rivolte a Francesco sono sempre le stesse e i temi sempre gli stessi, 50 minuti di agonia: dimissioni, guerra, Fiducia Supplicans, migranti, chierici di Stato, perdonare tutto e le solite litanie di Francesco.

«In 54 anni di sacerdozio ho soltanto negato una sola volta l’assoluzione per l’ipocrisia della persona» ha detto il Papa. Bergoglio ci spiega, quindi, che l’assoluzione lui la nega quando ha sentimenti negativi verso il penitente e ritiene che quello sia ipocrita. Non guarda alla gravità del peccato o al fatto che il penitente non è pentito. Siamo alla follia.

«La riforma più urgente è quella dei cuori nella Chiesa. Tutti i giorni bisogna cambiare il cuore. Quando sentiamo nel cuore l’invidia, quel vizio giallo, che rovina tutti i rapporti dobbiamo pentirci e cambiare il cuore. Poi le strutture si aggiornano» ha detto Francesco.

Sul viaggio in Argentina Papa Francesco ha detto che il cambio di governo non permette un viaggio imminente. Prima disse che sarebbe andato appena dopo le elezioni. Oggi il cambio governo non permette il viaggio. Francesco, però, è stato invitato sia dal Presidente eletto sia dai vescovi. Chissà come mai questo viaggio Bergoglio non vuole proprio farlo.

Ad Agosto il Pontefice ha ricordato che si recherà in Polinesia.

d.L.S.

Silere non possum

 




Articolo pubblicato il 14 gennaio 2024



Condividi questo articolo

Categorie

Ecumenismo
Citta del Vaticano
Chiesa cattolica

ARCHIVI

ULTIMI ARTICOLI

NEWSLETTER