Roma: gravi violazioni dell’Accordo di Villa Madama. La Polizia entra al Pantheon.



The Italian Republic has violated the Agreement regulating relations with the Holy See.





Questa mattina, all’interno del Pantheon a Roma, il Comitato Vele di Scampia ha organizzato una manifestazione contro il taglio delle risorse del Pnrr destinate al progetto di riqualificazione urbana dell’area del noto quartiere napoletano. I manifestanti hanno riferito che il governo italiano «ha scelto deliberatamente di tagliare risorse destinate a restituire dignità a migliaia di donne e uomini, che dopo anni di battaglie hanno diritto a vivere in una casa dignitosa». 

A seguito di alcune incomprensioni, è stato richiesto l’intervento delle forze di polizia. L’intervento delle Forze dell’Ordine è stato richiesto dalla Responsabile dei Musei Statali della Città di Roma, Mariastella Margozzi, la quale probabilmente ha dimenticato quali sono le norme che guidano i rapporti fra Repubblica Italiana e Santa Sede. A seguito di questa richiesta la polizia italiana è intervenuta, ha fatto sgomberare il luogo di culto e lo ha temporaneamente chiuso.

Le forze di polizia non hanno avvisato, come invece prevede l’articolo 5 dell’Accordo di Villa Madama, l’autorità ecclesiastica. Questa grave violazione ha trovato ferma condanna da parte del Rettore della Basilica, Mons. Micheletti, il quale ha giustamente fatto notare che la Responsabile dei Musei Statali ha «ha autonomamente fatto intervenire le forze di Polizia per lo sgombero e il Pantheon è stato temporaneamente chiuso al pubblico» ma non vi erano «i casi di urgente necessità» previsti dall’articolo 5 dell’Accordo.

La nota recita: «Nella mattinata del 14 settembre 2023 la basilica di Santa Maria ad Martyres – il Pantheon di Roma – è stato occupato dai Comitati Vele di Scampia. I partecipanti protestavano contro il taglio dei fondi Pnrr destinati alla riqualificazione dell’area di Scampia. La Responsabile dei Musei Statali della Città di Roma ha autonomamente fatto intervenire le forze di Polizia per lo sgombero del Pantheon, che è stato temporaneamente chiuso al pubblico».

«Premesso che non si vede come potessero ricorrere i casi di urgente necessità – continua il sacerdote – è opportuno precisare che lo sgombero è stato disposto senza avvisare o coinvolgere in alcun modo l’Autorità Ecclesiastica competente e le forze di Polizia sono entrate in basilica senza essere state chiamate dall’Arciprete Rettore. I manifestanti si sono spostati nel pronao della basilica dove sono rimasti fino alle 14.30 circa. Le ragioni dei manifestanti e la loro azione avrebbero forse meritato una considerazione più delicata e meno decisa». 

Il governo si scusi

Nel pomeriggio il ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano, ha dichiarato soddisfazione per l’intervento delle Forze dell’Ordine. Evidentemente il giornalista, oltre a non leggere i libri che giudica nei concorsi, non ha neppure studiato le basi del diritto concordatario. È doveroso, quindi, che il ministro dell’Interno della Repubblica Italiana e lo stesso primo ministro si scusino per quanto accaduto. Le norme concordatarie sono vincolanti e violarle è un grave segno di disprezzo ai danni della Santa Sede. Sorprende, peraltro, che questi spiacevoli episodi avvengano durante il mandato di un governo che si dice cattolico.

F.P.

Silere non possum




NOTA DELL’ARCIPRETE 



Nella mattinata del 14 settembre 2023 la basilica di Santa Maria ad Martyres – il Pantheon di Roma – è stato occupato dai Comitati Vele di Scampia. I partecipanti protestavano contro il taglio dei fondi Pnrr destinati alla riqualificazione dell’area di Scampia.
La Responsabile dei Musei Statali della Città di Roma (il Ministero della Cultura ha in carico la gestione diretta del Pantheon, che è un bene demaniale) ha autonomamente fatto intervenire le forze di Polizia per lo sgombero del Pantheon, che è stato temporaneamente chiuso al pubblico.
Ma l’art. 5 secondo comma della Legge 121/85 prevede che:
“Salvo i casi di urgente necessità, la forza pubblica non potrà entrare, per l’esercizio delle sue funzioni, negli edifici aperti al culto, senza averne dato previo avviso all’autorità ecclesiastica”.
Premesso che non si vede come potessero ricorrere i casi di urgente necessità, è opportuno precisare che lo sgombero è stato disposto senza avvisare o coinvolgere in alcun modo l’Autorità Ecclesiastica competente e le forze di Polizia sono entrate in basilica senza essere state chiamate dall’Arciprete Rettore e senza il necessario assenso del medesimo.
I manifestanti si sono spostati nel pronao della basilica dove sono rimasti fino alle 14.30 circa.
Le ragioni dei manifestanti e la loro azione avrebbero forse meritato una considerazione più delicata e meno decisa.

Mons. Daniele Micheletti, Arciprete Rettore

14 settembre 2023


Articolo pubblicato il 14 settembre 2023



Condividi questo articolo

Categorie

Ecumenismo
Citta del Vaticano
Chiesa cattolica

ARCHIVI

ULTIMI ARTICOLI

NEWSLETTER